lunedì 31 dicembre 2012

Sulle ali della storia

Le Associazioni ambientaliste LIPU e CEA Niscemi ONLUS, 
in collaborazione con il Comune di Niscemi, presentano 

Sulle ali della storia
“Un viaggio nell’antichità in compagnia delle farfalle”



La mostra, che si terrà il 5 e 6 Gennaio 2013, avrà come tema la valorizzazione del patrimonio storico e naturalistico del comprensorio con l’esposizione di reperti del Museo Didattico di Storia Naturale e la presentazione di una galleria fotografica delle farfalle del territorio.

L’inaugurazione avverrà giorno 5 Gennaio alle ore 17:00, presso la Biblioteca comunale, in via IV Novembre.

Si invita la SV a partecipare all’evento.
Cordialmente, le Associazioni organizzatrici.

Scarica il PDF di INTRODUZIONE





sabato 29 dicembre 2012

NO MUOS TREKKING: 06-01-2013


06-01-2013
NO MUOS TREKKING 

Un’ escursione alla scoperta di uno degli ultimi lembi di sughereta esistenti in Sicilia, un cammino condiviso per la pace in difesa dell’ ambiente per la salute di noi tutti.

Da Niscemi (CL)
a Contrada Pisciotto  R.N.O. “Sughereta di Niscemi”

Partenza ore 9.00 - Stadio Comunale di Niscemi (CL)
Lunghezza percorso: 10 Km circa
Difficoltà: facile, dislivello minimo, consigliato a tutti
Tempo di percorrenza: 4 ore circa
Attrezzatura: scarponcini, giacca impermeabile, zaino, bevande, pranzo a sacco
Prevista accoglienza presso il presidio no muos di contrada Ulmo
Previsto bus navetta dal punto di arrivo alle vetture

Info e adesioni: nomuostrek@gmail.com 
mobile: 349 3552539 - 339 1864479

Il percorso del TREKKING NO MUOS: si partirà da Niscemi (campo sportivo), per arrivare in c.da Ulmo e sostare al presidio; costeggiando le recinzioni americane, si arriverà alla base NAVY e, proseguendo, all'installazione del MUOS, dove si potranno osservare le parabole del sistema di telecomunicazioni satellitari. L'escursione si concluderà con una discesa verso il Pisciotto con la fermata presso la magnifica Quercia Mosaica, un esemplare di quercia da sughero di ben 450 anni.
Previsto un autobus per riaccompagnare gli autisti alle macchine, lasciate al Campo Sportivo. 





lunedì 24 dicembre 2012

Nasce l’ECO-PAGINA su Facebook

Apri il tuo sgabuzzino, rovista nel tuo garage: potresti trovare un tesoro 
… di idee!

Sul social network FB arrivano nuovi spunti, curiosità e proposte creative per vivere un 2013 all’insegna delle tre R (Ridurre, Riutilizzare, Riciclare).
E non è tutto: ci saranno anche informazioni, consigli e buone norme per aiutare, con piccoli accorgimenti, i nostri amati animali.

Ecco il link diretto della pagina: https://www.facebook.com/ecopaginaLIPU

Gli attivisti della LIPU Niscemi hanno deciso di inaugurarla con un’anteprima de “La Natività sostenibile”, il presepe realizzato con materiale recuperato e riciclato, esposto i giorni 26-27-28 Dicembre presso il Vecchio Mulino del Canale in via Salvatore Noto.

Melchiorre percorre il sentiero in plastica a bolle d'aria.
Il personaggio è creato con una lampadina riutilizzata, scampoli di stoffa, conchiglia e bottone.
Sullo sfondo un laghetto (vecchio CD) con una tartaruga (tappo di plastica).

sabato 22 dicembre 2012

"Foto-diario" di una giornata alla Sughereta: la natura distrutta dal MUOS


"Foto-diario" di una passeggiata alla Sughereta: bellezze naturalistiche distrutte dal MUOS


22-12-2012, ore 9:00 - Partiti presto dal nostro vicino paese di Niscemi, ci troviamo adesso all'ingresso della Riserva Naturale Orientata "Sughereta di Niscemi", essa rappresenta  il più importante relitto di sughereta mista a lecceta esistente nella Sicilia Centrale, valorizzata da aspetti di macchia e di gariga che ospitano importanti elementi floristici e faunistici.


La Riserva naturale, designata area SIC (Sito di Interesse Comunitario), occupa quasi un terzo della superficie del territorio comunale di Niscemi. Essa si estende sulla parte meridionale di un tavolato collinare sito tra i monti Iblei e le ultime propaggini dei monti Erei. 



La Sughereta di Niscemi è caratterizzata da specie arboree, arbustive ed erbacee caratteristiche della macchia mediterranea.
L'albero dominante è la quercia da sughero (Quercus suber) seguito dal leccio (Quercus ilex). Meno diffuse e localizzate sono la roverella (Quercus pubescens) e la quercia spinosa (Quercus calliprinos). Sotto le loro chiome vegeta un rigoglioso sottobosco formato da corbezzolo, lentisco, fillirea, erica, cisto e palma nana. L'integrità della foresta mediterranea è testimoniata, in alcune aree, dalla presenza di specie lianose quali smilace, tamaro e madreselva.



Siamo in contrada Pisciotto, camminando lungo un sentiero all'interno dell'impenetrabile foresta, arriviamo, presi dall'emozione, alla monumentale "Pianta mosaica"; l'immensa quercia da sughero che, con i suoi sei metri di circonferenza, è da ritenere la più grande e longeva d'Europa, con una età stimata di circa quattro secoli. Essa rappresenta un relitto di una selva immensa che si estendeva anticamente nella Sicilia centro-meridionale. Questo patriarca vegetale ha assistito alla fondazione della città di Niscemi resistendo miracolosamente alle offese del tempo, agli attacchi dei parassiti e ai danni causati dall'uomo.


Una spettacolare Poiana (Buteo buteo) sorvola il cielo mentre arriviamo a Piano Stravolata. La foresta mediterranea costituisce il luogo ideale per la nidificazione di questo rapace, che colloca il suo grande nido nelle chiome più alte delle querce.

 Si avvicina una confidente Ballerina bianca (Motacilla alba), specie che trascorre l'inverno nelle zone più aperte della Riserva, tra i campi e gli incolti delle zone limitrofe. 

Meravigliati da un posto così incantevole, camminiamo ancora, ma le fronde secolari degli alberi, progressivamente, iniziano a lasciare spazio ad un altro tipo di foresta...



... una foresta di ... ANTENNE!





Si tratta della Naval Radio Transmitter Facility di Niscemi. Essa assicura le comunicazioni super-segrete delle forze di superficie, sottomarine, aeree e terrestri e dei centri C4I (Command, Control, Computer, Communications and Intelligence) della Marina militare USA

Un’infrastruttura, in funzione dagli anni Novanta, 
ad uso esclusivo delle forze armate statunitensi!

Inorriditi, proseguiamo lungo il tracciato che separa la foresta dalla base; essa copre una superficie di circa 140 ettari, ed è situata in zona B della Riserva. Un cartello ci impone di non oltrepassare l'intera zona, delimitata da una recinzione.


Non è finita qua ... tra gli alberi, ben nascosto, individuiamo il MUOS (Mobile User Objective System), il progetto militare di telecomunicazioni della Marina militare USA.

L’impianto, uno dei quattro progettati a livello mondiale dalla marina statunitense,  prevede tre grandi antenne paraboliche dal diametro di oltre 18 metri per le trasmissioni verso i satelliti geostazionari e due trasmettitori elicoidali in banda UHF, di 149 metri d’altezza, per il posizionamento geografico.

Non si conoscono completamente gli effetti che le onde elettromagnetiche potranno creare sia sulle popolazioni umane che su un ecosistema così delicato.       Gli esperti sono preoccupati del disorientamento degli insetti impollinatori con danni alla flora spontanea e all’agricoltura locale, mentre gli zoologi temono gli effetti negativi del fascio di onde sugli uccelli migratori.

Inoltre, è stata documentata la totale distruzione di zone a macchia mediterranea all'interno della Riserva. Si è così interrotto il processo di successione ecologica che stava portando al naturale ripristino di aree un tempo disboscate.


Malgrado le proteste cittadine, le preoccupazioni delle associazioni ambientaliste e dei tanti siciliani, i lavori continuano. I Comitati No Muos hanno organizzato un presidio fisso dinanzi alla base per bloccare, in maniera del tutto pacifica, i veicoli con il materiale per la costruzione dell’impianto. Una protesta che ha l’obiettivo di sensibilizzare istituzioni e politici e di difendere attivamente la salute e l’ambiente.


Lo stato di avanzamento dei lavori: a sinistra il supporto che ospiterà una delle tre parabole


Si passa, dunque, da un patrimonio naturalistico di enorme importanza, ad uno scenario di guerra e distruzione. 
Nonostante le tante proteste, molte persone, non conoscono ancora il MUOS, la Base NAVY, il valore di questa Riserva!

PER QUESTO MOTIVO

Associazioni escursioniste e ambientaliste delle province di Ragusa, Siracusa e Caltanissetta
propongono l'evento:

“NO MUOS TREKKING”
Da Niscemi (CL) a Contrada Pisciotto 
"Riserva Naturale Orientata “Sughereta di Niscemi”

Un' escursione alla scoperta di uno degli ultimi lembi di sughereta esistente in Sicilia, un cammino condiviso di pace e di difesa dell'ambiente.

Domenica 6 Gennaio 2013
Partenza ore 9.00, Stadio Comunale di Niscemi

Per aderire all'iniziativa come associazione occorre inviare una mail all'indirizzo nomuostrek@gmail.com specificando il nome dell'associazione, la città, l'indirizzo e-mail e un recapito telefonico.

Tutte le informazioni di carattere tecnico relative all'escursione, nonché chiarimenti di altra natura, potranno essere richiesti all'indirizzo sopra indicato.

Si invitano le associazioni che aderiscono alla proposta, di promuovere l'iniziativa attraverso le proprie mailing list e di raccogliere le adesioni che andranno comunicate alla segreteria entro il 05/01/2013.

Non saranno ammesse altre forme di partecipazione o di protesta che esulano dal trekking.

domenica 9 dicembre 2012

CORTEO NO-MUOS A NISCEMI




COMUNICATO STAMPA
“..LE AUTOGRU DELLA DITTA “COMINA srl ”NON PASSERANNO. CROCETTA REVOCHI LE AUTORIZZAZIONI PER IL MUOS. LA LOTTA RESISTENTE NO-MUOS NON SI FERMA..”
MILLE PERSONE AL CORTEO NO-MUOS A NISCEMI

Niscemi (Caltanissetta), 09-12-2012. Ieri pomeriggio gente comune, studenti, attivisti e simpatizzanti dei Comitati No Muos di diversi Comuni Siciliani, tra cui Niscemi, Catania, Modica, Vittoria, Militello, Piazza Armerina, Caltagirone, Ragusa, hanno dato vita ad un corteo tra le vie cittadine di Niscemi. 

Nonostante il cattivo tempo più di mille persone sono partite dal campo sportivo e hanno raggiunto piazza Vittorio Emanuele III, nei pressi del Municipio dove si è tenuta un’assemblea pubblica con microfono aperto. Diversi attivisti del Coordinamento regionale dei Comitati No Muos, hanno sottolineato la decisione di continuare il presidio permanente ubicato vicino alla base americana di Niscemi  e di continuare la lotta anche nel periodo delle feste natalizie: “..Dobbiamo fare sentire il fiato sul collo al governatore Crocetta che ancora oggi nulla ha prodotto di concreto per bloccare i cantieri delle parabole militari e non permetteremo alle autogru della ditta Comina di passare per completare le parabole..”.

In una piazza  piena di persone con la particolare presenza di attivisti No Muos truccati da zombie, i cittadini niscemesi che hanno invitato la Città ad essere ancora più presente e che hanno ringraziato “..i ragazzi e le ragazze che con la loro presenza stanno tenendo vivo il presidio permanente e la lotta contro le parabole..” Rappresentanti di associazioni ambientaliste e per la difesa della salute assieme ai comitati No Muos che hanno organizzato il corteo, hanno espresso “..la necessità di incardinare una nuova azione legale orientata a bloccare i lavori dei cantieri e in tale ottica si sta formando uno staff legale che sta lavorando in questa direzione..”.

In piazza si è discusso delle recenti azioni di lotta messe in campo dal Comitato di Palermo il 5 dicembre davanti alla sede dell’Assemblea Regionale e dell’azione di pressione No-Muos condotta su Crocetta il 3 dicembre all’interno del Teatro Comunale di Vittoria da parte attivisti di Niscemi, Vittoria e Modica: “..chi ha fatto l’azione dentro il Teatro aprendo le bandiere No Muos e invitando Crocetta a dire qualcosa di certo sulle parabole ha il nostro pieno e incondizionato appoggio: occorre non fermare la lotta resistente No Muos e continuare le azioni di disturbo e di visibilità in diverse province siciliane..”. Alla fine del corteo diversi attivisti e gente comune si sono recati al presidio permanente ubicato vicino al recinto della base militare americana unendosi ai volontari che da 20 giorni lo tengono vivo e attivo. Durante il periodo natalizio, sono annunciate “azioni ed iniziative resistenti No Muos”.

COORDINAMENTO REGIONALE DEI COMITATI NO MUOS
PRESIDIO PERMANENTE NO MUOS adiacente al recinto della base militare di Niscemi.


venerdì 7 dicembre 2012

L'Upupa NO MUOS

Anche la nostra Upupa, nidificante all'interno della Riserva "Sughereta di Niscemi", dice "NO AL MUOS!"

NO MUOS, LIPU: "Rischi per la salute e la natura"


SICILIA, PROTESTE CONTRO IL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI “MUOS”.
LIPU: “GRAVI RISCHI PER LA SALUTE UMANA, LA SICUREZZA
E IL PATRIMONIO NATURALISTICO”
Comitati e associazioni contro la costruzione
del potentissimo sistema statunitense di telecomunicazione satellitare militare
nel cuore della Riserva Naturale Orientata "Sughereta di Niscemi" (CL)

“Temiamo gravi rischi per la salute dell’uomo, per la sicurezza e l’ambiente”. E’ l’allarme lanciato dalla LIPU-BirdLife Italia riguardo il “MUOS” (Mobile User Objective System), il progetto militare di telecomunicazioni della Marina militare Usa in fase di realizzazione in Sicilia a Niscemi, in provincia di Caltanissetta.

L’impianto, uno dei quattro progettati a livello mondiale dalla marina statunitense, sorgerà nel cuore della Riserva naturale Orientata “Sughereta di Niscemi”, tra le querce secolari dell’ultima foresta mediterranea della Sicilia centro-meridionale. Il progetto, contro il quale stanno lottando in questi giorni comitati di cittadini e associazioni ambientaliste, prevede tre grandi antenne paraboliche dal diametro di oltre 18 metri per le trasmissioni verso i satelliti geostazionari e due trasmettitori elicoidali in banda UHF (altissima frequenza), di 149 metri d’altezza, per il posizionamento geografico.
Il terminale ha il compito di assicurare il funzionamento della complessa rete satellitare in grado di controllare e gestire tutte le forze armate Usa attive sul pianeta.

Come denunciato un anno fa dal Politecnico di Torino, incaricato dal Comune di Niscemi di valutare i rischi dell’impianto, sono gravi i rischi per la natura e per l’uomo, dalla sicurezza aerea all’esposizione della popolazione ai fasci di microonde, che, oltre a essere pericolosi e potenzialmente letali entro il raggio di un chilometro, sono in grado di interferire con aeromobili distanti decine di chilometri, oltre che con il vicino aeroporto di Comiso, prossimo all’apertura. Secondo il Politecnico “sono tutt’altro che remote le ipotesi di incidenti aerei ed è incomprensibile come ciò non sia stato preso in considerazione dagli studi progettuali”. Il fascio di onde potrebbe interferire in modo grave anche con apparecchiature mediche come pacemaker, defibrillatori, apparecchi acustici e attrezzature ospedaliere.

Non sono meno gravi gli effetti negativi sulla natura, in parte già messi in atto con la distruzione di ampie zone a macchia mediterranea. La Riserva Sughereta di Niscemi, designata anche come Sito di Interesse Comunitario (SIC), è un ambiente di straordinario valore naturalistico, in quanto ospita oltre 500 specie di piante, due delle quali incluse nella lista rossa regionale siciliana, e ben 123 specie di uccelli, tra cui molte specie protette (grillaio, ghiandaia marina, occhione). Inoltre, la presenza di ampie vallate permette un facile corridoio migratorio per specie importanti, quali capovaccaio, albanella pallida, biancone. 
All’interno della base è stata documentata la distruzione di zone a macchia mediterranea e si è così interrotto il processo di successione ecologica che stava portando al naturale ripristino di aree un tempo disboscate.
Inoltre, non si conoscono completamente gli effetti che le onde elettromagnetiche potranno creare sia sulle popolazioni umane che su un ecosistema così delicato. Gli esperti sono preoccupati del disorientamento degli insetti impollinatori con danni alla flora spontanea e all’agricoltura locale, mentre gli zoologi temono gli effetti negativi del fascio di onde sugli uccelli migratori.

Temiamo seriamente il rischio di un danno ambientale grave e irreversibile – dichiara Manuel Zafarana, delegato LIPU di Niscemi -Siamo vicini ai cittadini e i ragazzi dei Comitati No Muos che, in questi giorni, hanno organizzato un presidio fisso dinanzi alla base per bloccare, in maniera del tutto pacifica, i veicoli con il materiale per la costruzione dell’impianto. Una protesta che ha l’obiettivo di sensibilizzare istituzioni e politici e di difendere attivamente la salute e l’ambiente”.
Chiediamo allo Stato italiano e alle istituzioni locali – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU – di tutelare il diritto alla salute delle popolazioni locali e assicurare la salvaguardia della natura e degli animali così come prescritto dall’Unione europea e dalle leggi italiane, oltre che il sacrosanto diritto alla pace e alla sicurezza del territorio e dei suoi abitanti”.

La parabola (una delle tre) in costruzione presso la RNO "Sughereta di Niscemi" Foto di Fabio D'Alessandro © 

Il presidio permanente dei ragazzi NO MUOS. Foto di Fabio D'Alessandro © 

La base americana, un deserto nel cuore della macchia mediterranea. Foto di Rocco Cannia ©

mercoledì 5 dicembre 2012

NISCEMI, LIPU E CEA: “STOP AL PRELIEVO DI MUSCHIO E SUGHERO PER I PRESEPI NATALIZI “











COMUNICATO STAMPA
NISCEMI, LIPU E CEA: “STOP AL PRELIEVO DI MUSCHIO E SUGHERO
PER I PRESEPI NATALIZI “
Le Associazioni ambientaliste unite per limitare il fenomeno
diffuso all’interno della RNO Sughereta di Niscemi

Ogni anno, in occasione delle feste di Natale, si registrano danneggiamenti a carico della flora all’interno della Riserva Naturale “Sughereta di Niscemi”.
Alcune persone, infatti, al fine di allestire il presepe, estraggono malamente (e illegalmente) il sughero dalle querce, provocando ferite che espongono gli alberi all’attacco degli organismi patogeni e facilitano la penetrazione di insetti dannosi. Con un poco di fantasia, è possibile sostituire il sughero con altri materiali, come la cartapesta, da riciclare e colorare da parte di tutta la famiglia e soprattutto dei bambini i quali, sicuramente, accoglieranno con gioia queste attività.

Va spesa una parola anche per l’umile muschio. La mancanza di conoscenza nei confronti di queste piccole creature vegetali,  spinge a sottovalutarne l’importanza. In realtà, lo strato più basso del bosco, è fatto da diverse specie di muschi, alcune molto rare, alle quali vanno aggiunte piantine di antichissima origine, come le Epatiche e le Selaginelle, veri e propri fossili viventi, che inconsapevolmente vengono strappati.

Lo scorso anno, durante un sopralluogo effettuato all’interno della Riserva, gli attivisti delle due associazioni hanno individuato alcune vaste aree con zolle interamente prelevate e piante estirpate senza alcun accorgimento.
Oggi più che mai è necessario “rottamare” certi comportamenti e pensare, partendo dalle piccole cose, in termini di sostenibilità e rispetto ambientale. Ne è un esempio il meraviglioso albero di Natale allestito in Piazza Vittorio Emanuele III:  i cittadini niscemesi hanno potuto ammirare un’opera fatta con bottiglie di plastica riciclate; ciò ha rappresentato un formidabile esempio per gli abitanti del paese, delle cittadine limitrofe e, ci auguriamo, anche della Capitale!

-          Invitiamo tutti a tutelare  il patrimonio boschivo del comprensorio in ogni suo aspetto - Commenta il delegato LIPU Manuel Zafarana -  Auguriamo ai nostri concittadini un Natale nel pieno rispetto della natura; come vuole la tradizione, speriamo, dunque, che per l’8 Dicembre i presepi niscemesi siano originali e, perché no, ecologici! -

di LIPU NISCEMI e CEA (Centro di Educazione Ambientale) NISCEMI
06-12-2012

I muschi del genere Bryum formano delle vere e proprie micro-foreste 



domenica 2 dicembre 2012

Un Natale in "riciclo"

Le piccole idee non smettono mai di stupire e meravigliare. Ne è l'emblema il nuovo albero di Natale di Niscemi, composto solamente da bottiglie di plastica riciclate, da ammirare in piazza Vittorio Emanuele III.
Il progetto, fortemente voluto dall'Assessore alla Pubblica Istruzione Valentina Spinello e ideato dall'estroso fabbro Sig. Buscemi, ha destato stupore alla vista dei concittadini: una vera e propria opera d'arte del riciclo, alta ben 7 metri!  
Ben 1750 bottiglie, sostenute da un'impalcatura metallica, sono state riunite a formare un creativo albero natalizio, ecco una meraviglia che arricchisce ancor di più la piazza niscemese. 

Si ringraziano per la realizzazione del progetto:
Gianluca, Serena, Rita, Rosario, Tania, Sara, Walter, Ivan, Salvo, Silvana, Lucia, Giuseppe, Teresa, Pino, Lucia, Silvana, Giuseppe, Franco, Giusy, Maria, Salvatore, Marina, Franca, Concetta. 

L'albero natalizio e la Chiesa Madre (Foto di Giulia Cilio)


Lipu Niscemi: da destra, Francesco Cirrone, Francesco Conti, Emanuela Stimolo, Manuel Zafarana, Clarissa Marino, Maria Jiusy Conti, Gabriella Zafarana, Micaela Internullo, Rocco Marino, Giulia Cilio.


Ben 1750 bottiglie di plastica riclate!  (Foto di Giulia Cilio)

Lipu Niscemi
1/12/2012

mercoledì 28 novembre 2012

"UN NATALE PER LA NATURA” anche a Niscemi

Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre, in piazza Vittorio Emanuele III, vieni a visitare il nostro stand!

I volontari della LIPU Niscemi offriranno, in cambio di una donazione, lenticchie e vino biologici per aiutare i progetti dell’Associazione, dalla salvaguardia delle specie e dei loro habitat alla promozione di un’agricoltura sana e rispettosa dell’ambiente, dalla difesa delle oasi al contrasto della caccia selvaggia e del bracconaggio.


Tra i prodotti, saranno disponibili una confezione da 500 grammi di Lenticchie biologiche LIPU prodotte dalla cooperativa La Terra e il Cielo e il vino biologico Supèrbio, prodotto dall’azienda vinicola Decordi, nelle versioni Nero d’Avola Syrah e Prosecco Doc, il tutto in una bellissima confezione in cartone riciclato. Un’idea regalo cui si potrà abbinare, gratuitamente, una piccola confezione di pasta biologica da 150 grammi, omaggio de La Terra e il Cielo.



mercoledì 21 novembre 2012

Lettera ai nostri concittadini di Niscemi


Cari amici, cari concittadini,
da gennaio scorso, l’Associazione ambientalista LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) ha scommesso su un gruppo di giovani niscemesi per creare una delegazione nella nostra città:
un progetto ambizioso, affidato a ragazzi motivati.
Il 2012 è stato l’anno di prova, in cui ci siamo confrontati con la realtà del comprensorio, organizzando svariate attività di volontariato, dall’educazione ambientale (grest estivo, escursioni e tanto altro) alla tutela della biodiversità (campo antibracconaggio, censimenti, ecc..)

Salvaguardare gli uccelli significa valorizzare e rispettare il nostro territorio. Per vivere, gli uccelli hanno bisogno ambienti puliti, con aria respirabile, aree verdi e cibo in abbondanza. Sono esigenti proprio come noi! Proteggerli, ci aiuta a stabilire un rapporto sincero e onesto con la natura e, in più, può dare soddisfazioni immense a tutti noi; ad esempio, sapere che nella nostra Piana vivono e nidificano ben 90 Cicogne bianche è un valore ambientale e culturale importantissimo:
dobbiamo farne tesoro.

La nostra Associazione è ambientalista e, aggiungiamo, culturale: senza cultura non c'è rispetto per l'ambiente, senza rispetto per l'ambiente non ci sono i presupposti per una vita sostenibile, civile e responsabile. La realtà in cui viviamo è fatta da un’interconnessione di vari ambiti, tutti da considerare se si vuole operare per il miglioramento del territorio! L’obiettivo nostro, dunque, è cercare di far convergere in armonia la natura con storia, archeologia, economia, poesia, letteratura, musica e … chi più ne ha, più ne metta!

La più giovane delegazione d’Italia conta anche su di voi.
L’associazione è aperta a tutti gli interessati: abbiamo bisogno di persone attive, di qualunque età, ma giovani di IDEE! Solo insieme, possiamo agire per il territorio, orgogliosi di muoverci con un’Associazione che da 50 anni protegge la natura d’Italia!
A voi tutti va il nostro invito a partecipare alle iniziative della LIPU NISCEMI, già da ora, contattandoci e visitando lo stand allestito nella nostra incantevole piazza Vittorio Emanuele III, per i giorni 1-2 Dicembre. Scambiamo due parole, iniziamo a conoscerci!

Un caro saluto,
gli attivisti Manuel, Gabriella, Sabrina, Giulia, Emanuela, Francesco Co., Clarissa, Micaela, Marco, Alessandro, Jiusy, Rocco, Francesco Ci.


martedì 9 ottobre 2012

Eurobirdwatch 2012: concorso "Fotografando la Sughereta"

Grande partecipazione al concorso “Fotografando la Sughereta”
I vincitori sono stati premiati nella serata di Domenica
(*Scorrete a fine articolo per vedere le foto premiate)

Il weekend del 6 e del 7 Ottobre è stato caratterizzato dall’Eurobirdwatch: l’evento dedicato all’osservazione degli uccelli in natura (birdwatching) organizzato in Europa da BirdLife International e, in Italia, dalla LIPU-BirdLife Italia. 
Sul territorio nazionale l’Eurobirdwatch si è svolto in 70 aree ad alto valore naturalistico, tra cui 28 oasi e riserve della LIPU.

Presso la Riserva Naturale Orientata Sughereta di Niscemi, i volontari della LIPU Niscemi hanno organizzato un concorso fotografico per ragazzi di ogni età e famiglie.
Durante la visita della riserva, i partecipanti, muniti di propria macchina fotografica digitale, hanno avuto a disposizione l’intera mattinata di Domenica per fotografare le bellezze della natura (animali, paesaggi, piante, ecc..) ed esaltare la propria creatività.

Accompagnato dalle guide della LIPU di Niscemi per i sentieri del bosco, il gruppo ha partecipato anche al censimento degli uccelli della riserva: poiana, occhiocotto, gheppio, pettirosso e molti altri.
Le foto più originali sono state premiate durante la serata “Il Museo variopinto”, in cui è avvenuta l’inaugurazione del nuovo “look” del Museo Didattico di Storia Naturale di Niscemi: un rinnovo dei locali a cui hanno lavorato i ragazzi del Servizio Civile.

Per la categoria “Trasmettere un messaggio” è stato premiato Salvo Scuderi; il premio a squadre è stato vinto dalle bambine Flavia Arena, Alice Giugno, Lorenza Zarba e Flavia Comitini.
Il premio “Miglior composizione” è stato assegnato a Giuseppe Di Bella e la sua famiglia.
Inoltre, la giuria ha ritenuto opportuno consegnare il Premio speciale “Miglior Artista” a Valeria Gennuso, per le suggestive e originali fotografie scattate.

Clicca sulle foto per ingrandirle!



 


martedì 18 settembre 2012

EuroBirdWatch 2012: due giornate ricche di attività!


Si terrà nel weekend del 6 e 7 ottobre 2012 la nuova edizione dell’Eurobirdwatch, l’evento dedicato all’osservazione degli uccelli in natura (birdwatching) organizzato in Europa da BirdLife International e, in Italia, dalla LIPU-BirdLife Italia. L’evento, che vanta il patrocinio del ministero dell’Ambiente e tutela del territorio e del mare e di Federparchi, si svolgerà nelle 28 oasi e riserve LIPU e in altre aree importanti in Italia per il birdwatching, quali zone umide, aree collinari, costiere e montane, e nelle riserve naturali gestite dal Corpo forestale dello Stato.


Sabato 6 Ottobre 2012
La migrazione sul lago

Ore 09:30, partenza da Niscemi (punto di incontro presso la “Marinnuzza”) per la RNO Biviere di Gela, visita del Centro Synvolum e censimento degli uccelli della Riserva dai capanni di osservazione, accompagnati dalle guide della Lipu Biviere.
Gli animatori del Grest “Naturalmente Giocando” organizzeranno giochi all’aperto per i più piccoli.
 Si raggiungerà la località con mezzo proprio. Rientro previsto per le ore 13:15.
Si prega di comunicare la propria partecipazione entro il 30 Settembre. Munirsi di binocolo, taccuino, cappellino, acqua, scarpe da tennis.       I partecipanti non sono coperti da assicurazione, pertanto la LIPU declina ogni responsabilità a danni su persone o cose.





 Domenica 7 Ottobre 2012 , ore 10:00
Fotografando la Sughereta

Evento per famiglie e ragazzi presso la RNO Sughereta di Niscemi.
I partecipanti, muniti di propria macchina fotografica digitale, avranno a disposizione 3 ore per fotografare le bellezze della natura (animali, paesaggi, piante, ecc..) ed esaltare la propria creatività, accompagnati dalle nostre guide per i sentieri del bosco.
Verrà effettuato anche il censimento degli uccelli migratori.
Le foto più originali verranno premiate durante la serata “Il Museo variopinto”.

L’iscrizione all’evento è di 5 euro a famiglia. Da Niscemi, il punto di incontro sarà presso la “Marinnuzza”, alle 09:50. Si raggiungerà la località con mezzo proprio. 



Si prega di comunicare la propria partecipazione entro il 30 Settembre.
Per l’occasione, è necessario portare il cavo USB della fotocamera.
Munirsi di cappellino, acqua, scarpe da tennis o da trekking. I partecipanti non sono coperti da assicurazione, pertanto la LIPU declina ogni responsabilità a danni su persone o cose.

Domenica 7 Ottobre 2012, ore 19:00
Il Museo "variopinto"

Presso il  Museo Didattico di Storia Naturale di Niscemi (Via A. Marsiano sn), si terrà la visualizzazione e la premiazione delle più colorate e suggestive  fotografie del suddetto evento. Seguirà l’inaugurazione del nuovo “look” del museo, con possibilità di visitare le stanze, guidati dai volontari LIPU. 
A conclusione, previsto un rinfresco.